• Informasalute N.56

    Informasalute N.56

    Aprile/Maggio 2017

    Michele Maio: immunoterapia oncologica.

    Leggi tutto

  • Informasalute N.55

    Informasalute N.55

    Febbraio/Marzo 2017

    Beatrice Lorenzin: medicina del futuro.

    Leggi tutto

  • Informasalute N.54

    Informasalute N.54

    Dicembre 2016

    Lorenza Putignani: l’allattamento il patrimonio genetico materno.

    Leggi tutto

  • Informasalute Ulss3 N.53

    Informasalute Ulss3 N.53

    Dicembre 2016

    Renzo Rosso: sanità e impresa.

    Leggi tutto

  • Informasalute Ulss15 N.23

    Informasalute Ulss15 N.23

    Novembre 2016

    Andrea Bartuli – Primo ambulatorio pediatrico in Italia
    dedicato alle malattie rare

    Leggi tutto

  • Informasalute Ulss15 N.22

    Informasalute Ulss15 N.22

    Settembre 2016

    Andrea Antinori – HIV tutt’altro che debellato

    Leggi tutto

bambini sicurezza auto seggiolini

Bambini, sicurezza in auto: in arrivo nuovi seggiolini e più sicuri

Bambini, sicurezza in auto: in arrivo nuovi seggiolini e più sicuri

Ogni anno perdono la vita in incidenti d’auto molti bambini e ancora di più riportano lesioni, talora con danni permanenti. Molte di queste vite potrebbero essere risparmiate con il corretto uso dei sistemi di ritenuta. Spesso i bambini più piccoli vengono semplicemente tenuti in braccio dal passeggero posto nel sedile anteriore o in quelli posteriori, pensando di poterli proteggere in caso di incidente.

Pochi sanno che a 50 km/h, in caso di impatto contro un ostacolo fisso, la forza di decelerazione impressa al corpo diventa elevatissima con l’impossibilità di trattenere il bambino e che il corpo dell’adulto che regge il bambino si comporta come se pesasse svariate centinaia di chili. Ne parliamo con il dott. Antonino Reale (Resp. di Pediatria dell’Emergenza), dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù.

Dott. Reale perché i bambini hanno maggior rischio di lesioni rispetto ad una persona adulta e che cosa rischiano?

Diversi sono i fattori che contribuiscono ad aumentare il rischio di lesioni nel bambino in caso di incidente: la diversa massa corporea (il capo di un lattante rappresenta circa 1/3 della dimensione del corpo), il maggior contenuto d’acqua del corpo che lo rende più “fragile” in caso di impatto, il tono ridotto della sua muscolatura, in particolare dei muscoli che controllano il capo che servono a contrastare le forti accelerazioni o decelerazioni, l’incapacità a mettere in atto rapide reazioni di opposizione di fronte ad un urto imminente.

Se prendiamo un taxi, come dobbiamo comportarci se abbiamo con noi un bambino piccolo?

L’articolo 172 del codice della strada prevede l’eccezione che sui taxi e le vetture a noleggio con conducente, i bambini possano viaggiare senza sistemi di ritenuta se collocati sul sedile posteriore ed accompagnati da persona di età non inferiore a 16 anni. Pur essendo difficile immaginare che ogni taxi possa essere dotato di diversi dispositivi di seduta secondo le normative vigenti, è fortemente auspicabile prevedere la possibilità che, tramite prenotazione telefonica, si possano in un prossimo futuro avere taxi dotati del seggiolino corretto .

I sistemi di ritenuta offrono tutti una massima sicurezza in auto?

Esistono due sistemi per ancorare i seggiolini all’auto: mediante le cinture di sicurezza e mediante gli agganci ISOFIX; di norma le auto di più recente costruzione presentano la possibilità di utilizzare il sistema universale ISOFIX con tre punti aggancio (due in basso ed uno in alto) che, creando un solido ancoraggio tra il telaio dell’auto ed il seggiolino, fornisce maggior sicurezza in caso di impatto. Naturalmente, al di là del sistema che si adotta, è importante che il montaggio sia corretto e il bambino non riesca a sganciare il sistema di ritenzione.

Di recente sono state introdotte delle novità normative, ce ne può parlare?

Dal primo gennaio 2017 sono intervenute importanti novità legislative nell’utilizzo dei sistemi di ritenuta; quelli attualmente in uso, rispondenti alla normativa ECE R44/03-04, saranno infatti gradualmente sostituiti dai nuovi, rispondenti alla normativa ECE R129. Tale modifica si è resa necessaria per aumentare ulteriormente la sicurezza die bambini trasportati in auto. La maggior novità è relativa all’utilizzo dell’altezza del bambino, e non del suo peso, come criterio per la scelta del seggiolino.

Chi già possiede un seggiolino omologato potrà continuare tranquillamente ad usarlo e i vecchi sistemi di ritenuta potranno essere ancora venduti fino a che la nuova normativa sarà entrata in vigore.

La prima fase, già in vigore dal gennaio 2017, interessa esclusivamente i sistemi di ritenuta universale ISOFIX, quelli a cui tutte i produttori di auto dovranno in futuro adeguarsi. Per i bambini fino a 105 cm d’altezza dovranno infatti essere prodotti esclusivamente seggiolini con il sistema ISOFIX; l’utilizzo di rialzo con schienale viene esteso ai bambini fino a 125 cm d’altezza mentre dai 125 ai 150 cm potrà essere utilizzato il solo rialzo; il montaggio in senso contrario alla marcia diventa obbligatorio fino a 15 mesi (precedentemente era fino a 9 kg) e i seggiolini dovranno poter superare una prova contro l’impatto laterale in caso di incidente. Successivamente, entro l’anno 2017, verranno presi in considerazione i seggiolini per bambini con altezza dai 100 ai 150 cm, che potranno essere fissati con il sistema ISOFIX o mediante le cinture di sicurezza.

di Endrius Salvalaggio

Endrius Salvalaggio

Redattore InFormaSalute


InForma Salute
    • Casa Editrice

      Agenzia Pubblicitaria Europa 92
      Via Pio IX 27 - 36061 Bassano del Grappa (Vi)
      C.F.: 02101360242

      info@informasalute.net
      tel: 0424.510855
      mobile: 0039.335.7781979

      Seguici su

    • Redazione

      Direttore Responsabile
      Roberto Cristiano Baggio

      Coordinatore Editoriale
      Ledy Clemente
      Romano Clemente

      Redazione
      Angelica Montagna - Endrius Salvalaggio
      Cinzia dal Brolo - Giovanna Bagnara
      Barbara Bagnara

      redazione@informasalute.net

    • Contattaci

      Nome e Cognome (richiesto):


      E-Mail (richiesto):


      Messaggio (richiesto):


      Clicca sul riquadro sottostante per dimostrare che sei umano (richiesto):