• Informasalute N.56

    Informasalute N.56

    Aprile/Maggio 2017

    Michele Maio: immunoterapia oncologica.

    Leggi tutto

  • Informasalute N.55

    Informasalute N.55

    Febbraio/Marzo 2017

    Beatrice Lorenzin: medicina del futuro.

    Leggi tutto

  • Informasalute N.54

    Informasalute N.54

    Dicembre 2016

    Lorenza Putignani: l’allattamento il patrimonio genetico materno.

    Leggi tutto

  • Informasalute Ulss3 N.53

    Informasalute Ulss3 N.53

    Dicembre 2016

    Renzo Rosso: sanità e impresa.

    Leggi tutto

  • Informasalute Ulss15 N.23

    Informasalute Ulss15 N.23

    Novembre 2016

    Andrea Bartuli – Primo ambulatorio pediatrico in Italia
    dedicato alle malattie rare

    Leggi tutto

  • Informasalute Ulss15 N.22

    Informasalute Ulss15 N.22

    Settembre 2016

    Andrea Antinori – HIV tutt’altro che debellato

    Leggi tutto

Sanità e Impresa: formula vincente grazie al fondatore di Diesel Renzo Rosso

Sanità e Impresa: formula vincente grazie al fondatore di Diesel Renzo Rosso

Non è la prima volta che Renzo Rosso, presidente del gruppo OTB e della Fondazione “Only The Brave”, si dimostra aperto ad idee lungimiranti che vanno oltre a quell’illuminazione a lui tipica in campo imprenditoriale che lo ha reso celebre in tutto il mondo.

Non solo lui ma anche una cordata composta da trentuno imprenditori bassanesi che hanno deciso di sostenere l’ospedale San Bassiano già dallo scorso anno, fondando il progetto “Sanità & Impresa” e regalando il costoso robot DA VINCI che sta per rivoluzionare la chirurgia.

Fiero il governatore del Veneto Luca Zaia che ha presenziato alla conferenza di presentazione a fianco di Renzo Rosso, degli imprenditori capitanati da Carlo Marostica, del direttore generale dell’Ulss 3 Giorgio Roberti e di Antonio Celia direttore del dipartimento chirurgico dell’ Ulss 3.

Un cospicuo investimento per nuove tecnologie a favore dei cittadini: che cosa la spinge ad impegnarsi così tanto nel sociale?

Credo in un modello nuovo, moderno, di imprenditoria in cui noi tutti siamo attori sociali coresponsabili delle nostre azioni, del benessere di chi sta intorno a noi o anche lontano da noi.

Nel mio piccolo è quello che cerco di fare ogni giorno.

Nel 2008 ho deciso di creare la Only The Brave Foundation per mettere a servizio degli altri meno fortunati le capacità della nostra azienda e il mio impegno personale.

Mi sento molto fortunato ad aver ricevuto tanto, è normale voler ridare indietro qualcosa, sia al territorio che alle persone meno fortunate.

In base a quali criteri lei decide dove sarà destinato il suo intervento?

Partiamo da una strategia “glocal” da una parte globale, per esempio supportiamo tanti progetti in Africa, che pur ricca di tantissime risorse, ha la percentuale più alta di popolazione che vive in situazioni di povertà estrema, e ha quindi bisogno dell’aiuto di tutti.

E dall’altra parte è fondamentale investire nel proprio territorio, sostenendolo con attività per i meno fortunati, che purtroppo sono sempre di più anche da noi.

Infine, ci impegniamo anche dove ci sono le emergenze, l’abbiamo fatto per il terremoto dell’Emilia Romagna nel 2012 con un fondo di micro credito per aiutare le famiglie e PMI a riprendere la loro attività.

I principali criteri di selezione dei progetti supportati dalla Only The Brave Foundation sono l’innovazione, un impatto sociale diretto e la sostenibilità.
Non amo quando si parla tanto ma nulla succede.

La filosofia della nostra fondazione si basa invece proprio sulla concretezza dei risultati, una cosa di cui sono particolarmente orgoglioso, e sulla sostenibilità perché ogni azione costruisca la base per il futuro e non sia solo un’operazione spot.

Ad oggi i risultati sono molto soddisfacenti, la fondazione ha investito in più di 170 progetti con un impatto diretto sulla vita di oltre 180.000 persone.

Sanità pubblica ed imprenditoria privata: progetto vincente.
In quale altro modo gli imprenditori potrebbero essere di supporto alla sanità locale?

È proprio nei periodi di crisi che i governi tagliano di più i fondi destinati a garantire il “welfare” e diventano più importanti le iniziative private. Non dobbiamo sostituirci ai governi ma complementare i loro sforzi.

Ci sono tanti modi di aiutare, sensibilizzare la popolazione sulla mancanza di risorse del sistema sanitario, aiutare a rendere il sistema più efficiente e adatto ai tempi attuali. Le aziende per sopravvivere nel mercato imparano a ottimizzare le risorse, la sanità dovrebbe fare lo stesso.

Proprio per questo abbiamo supportato l’Ulss 3 di Bassano del Grappa in questa azione molto concreta, con un investimento in nuove macchine dalla tecnologia avanzata che permettono di realizzare interventi di chirurgia micro-invasiva.

Qual è il suo parere sul sistema sanitario italiano e la qualità dei nostri medici, rispetto all’estero?

Dipende il paese con cui viene paragonato, il lato positivo è che il nostro sistema sanitario è molto democratico, tutti vi hanno accesso. Sicuramente abbiamo ancora tanta strada da fare in termini di efficienza e riduzione degli sprechi.

Ed infine, sarebbe molto bello se si riuscisse ad investire di più in ricerca e i nostri giovani non dovessero andare all’estero.

Sappiamo che Lei ha a cuore i giovani: come si potrebbero incentivare i ricercatori a rimanere/tornare in Italia?

La situazione attuale è preoccupante ma i giovani hanno l’energia, i sogni, e delle idee fresche e innovative.
Devono essere coraggiosi e non fermarsi davanti al primo ostacolo che trovano, lo sforzo finisce sempre per essere ricompensato.

Sta al sistema e a tutti noi contribuire a creare le condizioni affinché loro possano lavorare e ricercare nei migliori dei modi.

di Angelica Montagna

Angelica Montagna

Redattrice InFormaSalute

InForma Salute
    • Casa Editrice

      Agenzia Pubblicitaria Europa 92
      Via Pio IX 27 - 36061 Bassano del Grappa (Vi)
      C.F.: 02101360242

      info@informasalute.net
      tel: 0424.510855
      mobile: 0039.335.7781979

      Seguici su

    • Redazione

      Direttore Responsabile
      Roberto Cristiano Baggio

      Coordinatore Editoriale
      Ledy Clemente
      Romano Clemente

      Redazione
      Angelica Montagna - Endrius Salvalaggio
      Cinzia dal Brolo - Giovanna Bagnara
      Barbara Bagnara

      redazione@informasalute.net

    • Contattaci

      Nome e Cognome (richiesto):


      E-Mail (richiesto):


      Messaggio (richiesto):


      Clicca sul riquadro sottostante per dimostrare che sei umano (richiesto):