• Informasalute N.85

    Informasalute N.85

    AGOSTO 2021

    A TU PER TU CON Francesco Benazzi Direttore Generale Ulss 2 Marca Trevigiana

    ULSS2 PRIORITÀ: RECUPERARE MEDICI E LISTE D’ATTESA

    Leggi tutto

  • Informasalute N.84

    Informasalute N.84

    GIUGNO-LUGLIO 2021

    A TU PER TU CON MARIA GIUSEPPINA BONAVINA

    Direttore Generale Ulss 8 Berica

    Leggi tutto

  • Informasalute N.83

    Informasalute N.83

    Maggio 2021

    Erika Stefani

    UN MINISTRO PER LE DISABILITÀ

    Leggi tutto

Cani randagi: cosa fare? Ecco il vademecum

cani-randagi-cosa-fare

Gatti e Cani randagi: quando il soccorso richiede coordinamento. Vademecum per quanti trovano o perdono un cane!

Intervista al Dr. Franco Bizzotto, Responsabile Servizio Igiene degli Allevamenti e Produzioni Zootecniche, Servizi Veterinari ULSS 3 – Bassano del Grappa

Il crescente interesse delle persone verso gli animali ha avuto come effetto un notevole aumento di cittadini che si adoperano per la cattura dei cani vaganti e che di conseguenza, chiedono l’intervento dell’accalappiacani (ora chiamato cinovigile) per il recupero del cane. Purtroppo, la cosa non è semplice come potrebbe sembrare. Occorre intervenire con “cognizione di causa”. Approfondiamo l’argomento, aiutati da un esperto.

Perché esistono delle difficoltà tecniche per quanti trovano un cane abbandonato?
Innanzitutto diciamo che il più delle volte chi trova un cane vagante, che sia di giorno o di notte, non è disposto ad aspettare più di 20/30 minuti l’arrivo dell’operatore, minacciando spesso di rivolgersi agli organi di polizia se la sua richieste di intervento non viene quanto prima soddisfatta. Vorremmo precisare che i Servizi Veterinari dell’Asl 3 hanno a disposizione un dipendente a tempo pieno e uno a tempo parziale, per coprire il servizio di recupero cani 24 ore su 24, per 365 gg l’anno, nonché occuparsi di altre mansioni inerenti altre attività dei Servizi stessi (trasporto dei campioni ai laboratori di Vicenza e Padova, assistenza ai veterinari nelle attività svolte in ambulatorio e in canile, pratiche amministrative relative all’anagrafe canina, manutenzione e gestione dei mezzi aziendali ecc.).

Di cosa deve essere consapevole la persona che cattura un cane vagante e chiede l’intervento per il recupero?
Deve innanzitutto sapere che non sempre l’operatore potrà intervenire immediatamente e quindi deve mettere in conto, prima di catturare un cane vagante, che potrebbe doverlo custodire anche per alcune ore e che ne diventa parimenti responsabile finché rimane sotto la sua custodia.

Quali sono, dunque, i suggerimenti e consigli per chi trova o cattura un cane vagante?
Ci sono alcuni punti importanti che riassumono le giuste mosse da compiere:
• essere sicuri di poter intervenire senza pericolo per sé, per altre persone, per la circolazione stradale e anche per il cane;
• una volta preso il cane, cercare di assicurarlo con un collare e un guinzaglio anche di fortuna o rinchiuderlo in un luogo chiuso (garage, recinto, giardino ecc.)
• prima di chiedere l’intervento del cinovigile assicurarsi che il cane non sia di qualche abitazione vicina (troppo spesso subiamo le lamentele di proprietari di cani che dichiarano che il proprio cane gli è stato portato via a qualche decina di metri da casa);
• controllare poi (solo se si è sicuri che il cane è docile) se il cane ha un collare, che non vi sia impresso in qualche modo un numero di telefono;
• per il recupero del cane da parte del cinovigile durante l’orario lavorativo feriale (8-18) dovrà essere chiamato direttamente il Servizio Veterinario al n. 0424888211, mentre per quanto riguarda interventi notturni e festivi bisognerà chiamare il centralino dell’ospedale di Bassano al n. 0424888111 e chiedere del Veterinario reperibile;
• in alternativa ci si può recare in un ambulatorio veterinario per controllare se il cane è identificato tramite un microchip e quindi rintracciare direttamente il proprietario a cui il cane potrà essere restituito senza l’intervento del cinovigile.
• ancora è possibile durante l’orario di lavoro portare direttamente il cane presso i Servizi Veterinari di Marostica, in via Panica 13, escludendo il canile sanitario di Pove del Grappa che non è presidiato da personale.

Per quanto riguarda invece i cani recuperati, quali difficoltà incontrate spesso voi addetti ai lavori?
Premettendo che ogni cane dall’età di 2 mesi deve essere identificato con un microchip, purtroppo, troppo spesso, ritroviamo cani microchippati di cui non riusciamo a rintracciare (almeno subito senza doverlo ricoverare in canile) il proprietario, in genere per i seguenti motivi:
• il proprietario non ha aggiornato l’indirizzo e in particolar modo non ha aggiornato i recapiti telefonici o tra i recapiti telefonici vi è solo il telefono fisso e in casa non è presente nessuno;
• il cane è stato oggetto di trasferimento di proprietà ma questa non è mai stata notificata ai Servizi Veterinari;
• il cane è stato importato dall’estero o da altra regione anche con regolare documentazione ma l’introduzione non è mai stata registrata presso i Servizi Veterinari;
• il cane viene perso in luoghi di villeggiatura di una regione diversa da quella di residenza.

Quali utili consigli si possono dare ai proprietari di cani, per fare in modo di ritrovare quanto prima il proprio amico a 4 zampe?
Evitare allo stesso lo stress della cattura e del ricovero in canile e non da ultimo evitare di dover pagare le spese per il recupero e il ricovero in canile e in casi particolari anche la sanzione per omessa custodia:
• in primis ottemperare ai punti precedenti quindi corretta e aggiornata anagrafe canina;
• attaccare al collare del cane una medaglietta (costo 5 euro) con impresso un numero di cellulare, a cui chiunque ritrovi il cane possa chiamare;
• comunicare, appena accorti, la scomparsa del cane ai Servizi Veterinari , perché a volte anche con la sola descrizione , incrociando i dati tra quelli che trovano i cani e quelli che li perdono possiamo metterli in contatto per un restituzione diretta.

di Redazione InFormaSalute



InForma Salute
    • Casa Editrice

      Agenzia Pubblicitaria Europa 92
      Via Pio IX 27 - 36061 Bassano del Grappa (Vi)
      C.F.: 02101360242

      info@informasalute.net
      tel: 0424.510855
      mobile: 0039.335.7781979

      Seguici su

    • Redazione

      Direttore Responsabile
      Angelica Montagna

      Condirettore
      Alessandro Tich

      Coordinatore Editoriale
      Ledy Clemente
      Romano Clemente

      Redazione
      Romano Clemente
      Alessandro Tich
      Angelica Montagna
      Renzo Deganello
      redazione@informasalute.net

    • Contattaci

      Nome e Cognome (richiesto):


      E-Mail (richiesto):


      Messaggio (richiesto):


      Clicca sul riquadro sottostante per dimostrare che sei umano (richiesto):