• Informasalute N.86

    Informasalute N.86

    SETTEMBRE 2021

    Patrizia Benini Direttore Generale IOV- IRCCS

    LE DUE PRIORITÀ: PROFESSIONISTI E TELEMEDICINA

    Leggi tutto

  • Informasalute N.85

    Informasalute N.85

    AGOSTO 2021

    A TU PER TU CON Francesco Benazzi Direttore Generale Ulss 2 Marca Trevigiana

    ULSS2 PRIORITÀ: RECUPERARE MEDICI E LISTE D’ATTESA

    Leggi tutto

  • Informasalute N.84

    Informasalute N.84

    GIUGNO-LUGLIO 2021

    A TU PER TU CON MARIA GIUSEPPINA BONAVINA

    Direttore Generale Ulss 8 Berica

    Leggi tutto

  • Informasalute N.83

    Informasalute N.83

    Maggio 2021

    Erika Stefani

    UN MINISTRO PER LE DISABILITÀ

    Leggi tutto

EDITORIALE N. 86 – SETTEMBRE 2021

Pochi giorni, fa, e cioè lo scorso martedì 21 settembre, è stata celebrata la Giornata Mondiale dell’Alzheimer.
La giornata cade il 21 settembre di ogni anno ed è stata istituita nel 1994 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dall’Alzheimers’s Disease International (ADI). Non si tratta di una questione di secondaria importanza: secondo i dati del Rapporto mondiale Alzheimer riferito ancora al 2016, in Italia le persone con demenza sono oltre un milione. Per l’esattezza: 1.242.100. Mentre i malati di Alzheimer e di altre demenze sono stimati oggi nel mondo in oltre 36 milioni, con numeri destinati ad aumentare drammaticamente nel giro di pochi anni, trattandosi di una patologia tipicamente senile e tenuto conto –  la qual cosa rappresenta il problema dei problemi nel nostro Paese – del progressivo e inesorabile invecchiamento della popolazione.
Questa forma di demenza degenerativa, sulle cui cause la ricerca scientifica sta ancora cercando di fare piena luce, è dovuta ad una alterazione delle funzioni cerebrali che mina la capacità del paziente di condurre attività quotidiane fino a quel momento ritenute “normali”. È il cervello che si “annebbia” e che sconvolge la stessa identità relazionale e affettiva della persona. I più recenti studi sull’argomento dimostrano che l’azione contemporanea di più fattori (attività fisica, training cognitivo, monitoraggio del rischio vascolare, alimentazione) può mantenere o persino migliorare la funzione cognitiva nelle persone anziane “a rischio”. Ed è ormai consolidato che uno stile di vita e di allenamento mentale corretto – attraverso le relazioni sociali, l’attività motoria, lo studio, la lettura eccetera – salvaguarda la “riserva cognitiva” dell’individuo e può ritardare l’insorgenza della malattia fino a cinque anni. Il costo sociale e sanitario dell’Alzheimer è enorme.
Per questo è importante investire sul territorio in iniziative che vengano incontro alla necessità di limitare i danni. Proprio in questo numero di InFormaSalute Italia dedichiamo un articolo all’importante progetto dell’Ulss 7 Pedemontana grazie al quale, forte di un contributo ministeriale di 12 milioni di euro, l’ex Ospedale di Marostica sarà trasformato in un complesso abitativo e di Social Housing per i malati di Alzheimer e di altre demenze che si trovano nella fase precoce della malattia, vale a dire con un decadimento ancora limitato e quindi ancora in grado di interagire sotto il profilo dei rapporti sociali. La rotazione tra gli ospiti sarà frequente e lo scopo della struttura sarà quello di frenare – con gli opportuni stimoli sociali, ambientali e riabilitativi – il processo di decadimento cognitivo. Come ha sottolineato il direttore generale dell’Ulss 7 Carlo Bramezza, in questo modo verrà messa a disposizione della comunità “una struttura abitativa innovativa, destinata a essere un riferimento in tutto il Veneto e anche a livello nazionale, offrendo così ai malati di Alzheimer e ai loro familiari una soluzione residenziale coerente i loro bisogni e allo stesso tempo in grado di valorizzare al meglio il loro livello di autonomia, prolungando così la loro vita attiva e prevenendone l’isolamento sociale”. Certamente un’iniziativa del genere non basta ad arginare il problema, ma per il territorio di riferimento è la prima e fondamentale pietra di un futuro tutto da costruire.

Alessandro Tich

Condirettore

InForma Salute
    • Casa Editrice

      Agenzia Pubblicitaria Europa 92
      Via Pio IX 27 - 36061 Bassano del Grappa (Vi)
      C.F.: 02101360242

      info@informasalute.net
      tel: 0424.510855
      mobile: 0039.335.7781979

      Seguici su

    • Redazione

      Direttore Responsabile
      Angelica Montagna

      Condirettore
      Alessandro Tich

      Coordinatore Editoriale
      Ledy Clemente
      Romano Clemente

      Redazione
      Romano Clemente
      Alessandro Tich
      Angelica Montagna
      Renzo Deganello
      redazione@informasalute.net

    • Contattaci

      Nome e Cognome (richiesto):


      E-Mail (richiesto):


      Messaggio (richiesto):


      Clicca sul riquadro sottostante per dimostrare che sei umano (richiesto):