• Informasalute N.83

    Informasalute N.83

    Maggio 2021

    Erika Stefani

    UN MINISTRO PER LE DISABILITÀ

    Leggi tutto

  • Informasalute N.82

    Informasalute N.82

    Marzo 2021

    Carlo Bramezza

    PRIORITÀ VACCINI

    Leggi tutto

  • Informasalute N.81

    Informasalute N.81

    Febbraio 2021

    Giovanni Menegon

    UNA LAUREA PER LA RINASCITA

    Leggi tutto

Le allergie di primavera

Chiara Bonan

junge frau niest

Ne parliamo col dr. Lucio Bacelle, specialista in allergologia

La primavera è tempo di fioriture, di colori, di rinascita della natura. Con l’aprirsi della stagione più colorata e gioiosa dell’anno, però, arrivano anche i dolori per tutti coloro (e si parla di un buon 15% della popolazione) che soffrono di pollinosi, la ben nota allergia ai pollini. I sintomi sono simili del raffreddore: sternuti, naso chiuso, bruciore agli occhi. Solo che durano molto, ma molto più di un comune raffreddamento e possono degenerare, se trascurati, in disturbi più seri anche a carico dei bronchi. Ne abbiamo parlato con il dottor Lucio Bacelle, primario del laboratorio analisi dell’ospedale di Cittadella e specialista in allergologia.

 

– In questo periodo, la primavera, c’è un vero e proprio risveglio delle allergie: quali sono quelle più diffuse tra aprile, maggio e giugno?

– “Bisogna dire che in questi tre mesi ci sono sia i pollini che iniziano a marzo (graminacee), sia i residui di quelli iniziati a febbraio (betullacee e corilacee: betulla, ontano nero, nocciolo, acero, carpine). La pollinazione precoce di questo secondo gruppo di piante è caratterizzata da una pignetta lunga e sottile piena di polline.

In questo periodo, essendoci una concomitanza di più famiglie di pollini, gli allergici soffrono di più  rispetto al mese di febbraio o alla fine di giugno”.

 

– Possiamo vedere i pollini?

– “I pollini allergizzanti non si possono vedere. C’è la credenza, sbagliata, che il piumino bianco del pioppo dia allergia, ma non è così: proprio la sua notevole dimensione lo rende praticamente innocuo”.

 

– Un allergico al polline sta meglio quando il tempo si mette al brutto o in una bella giornata di sole?

– “Esporsi all’aria aperta in una giornata ventosa, soleggiata e secca è peggio di uscire quando piove: in condizioni di maltempo il polline sta per terra e l’acqua lo lava via. Quando c’è vento, invece, viene portato anche a chilometri di distanza dalla pianta”.

 

– Come si distingue un’allergia da un comune raffreddore? Qual è la sua gravità?

– “Il raffreddore nel giro di 6-7 gg passa e non lascia strascico: se dura tanto, le secrezioni sono acquose e gli sternuti continui, è molto probabile si tratti di allergia. I sintomi sono, nell’ordine: una semplice congiuntivite, la rinite (naso chiuso, che cola), e in casi più gravi, sofferenza del bronco con asma. Va detto che  l’allergico, pur senza sintomi gravi,  può sempre presentare una sofferenza dell’epitelio bronchiale, che non va sottovalutata. Io consiglio a tutti gli allergici di sottoporsi, almeno una volta e poi con cadenza annuale, ad un consulto pneumologico, specie in presenza di dispnea”.

 

– Ci sono persone che lamentano allergie tutto l’anno: più forme possono convivere nello stesso soggetto?

– “Sì, certo: di solito la concomitanza tra le allergie si presenta subito. Chi è allergico ai pollini può soffrire della sindrome della mucosa orale, derivante da una “crociatura” tra polline e  alimenti che assomigliano molto al polline. L’allergia a betulle e nocciole può dare disturbi quando si mangiano  fragole, kiwi ciliegia, frutta secca; l’allergia alle graminacee può rendere difficoltoso ingerire melone, anguria, pomodoro crudo, kiwi, mandorla. Questi alimenti, se assunti crudi, provocano un’irritazione alla gola, alla lingua e al palato, dando al soggetto colpito la sensazione di doversi schiarire. Gli stessi alimenti, cotti, possono invece essere mangiati tranquillamente perché vengono inattivati gli allergeni”.

 

– L’allergia si “trasmette” dai genitori ai figli?

– “Si eredita una predisposizione genetica a diventare allergici. Non è detto, però, che se il papà è allergico alle graminacee, il figlio presenti lo stesso disturbo: magari sarà allergico agli acari”.

 

– Quanto contano i fattori ambientali?

– “Molto: conta il livello di esposizione all’allergene. Se si vive in campagna è alta l’esposizione ai pollini, in ambiente malsano si può essere esposti ad acari e muffe.  Più alta è l’esposizione peggio è. Va detto che le allergie sono aumentate del 20-30 rispetto a 20 anni fa, per un incremento dei  fattori scatenanti come l’inquinamento e la manipolazione degli alimenti; la stessa struttura molecolare del polline è cambiata: lo riscontriamo in abeti e pini, per esempio, diventati nel tempo più allergizzanti. L’alterazione che abbiamo creato nell’ambiente ha sicuramente favorito l’aumento delle allergie”.

 

– Quali sono gli strumenti di diagnosi dell’allergia da pollini?

– “Il primo approccio è del medico di base, che ipotizza un’allergia e invia il paziente all’allergologo, che valuta quale tipologia di test è più idoneo al suo caso. Si possono eseguire dei semplici test cutanei, con diagnosi in un quarto d’ora, mentre altre volte la situazione è più ingarbugliata, specie in presenza  di allergie concomitanti: in questi casi è meglio procedere anche con la ricerca delle IgE specifiche nel sangue”.

 

– Esistono delle cure risolutive per le pollinosi?

– “Con la diagnosi in mano, in base all’interessamento o meno del bronco e all’entità dell’allergia, il problema può essere risolto direttamente dall’allergologo (nell’80-90% dei casi) o con l’aiuto di altri specialisti, soprattutto lo pneuomologo.

La terapia più banale prevede l’utilizzo di  antistaminici per via locale, come colliri o spray nasali, o per via orale.  Se questi farmaci non riescono a risolvere il problema, si può tentare con aiuto di un cortisonico; infine c’è la vaccinoterapia (assunzione di pastiglia sublinguale), che nel giro di 6 mesi permette di raggiungere un buon grado di guarigione, per poi passare alla dose di mantenimento con guarigione totale in circa 3 anni”.

 

– E’ meglio vaccinarsi, allora, per risolvere alla radice il problema?

– “Dipende anche da quanto tempo all’anno si sta male: se il periodo è di soli 15 gg all’anno vale la pena di assumere antistaminici, se invece la sofferenza dura a lungo sarà bene valutare l’opportunità di un vaccino”.

 

– E’ vero che un’allergia “trascurata” può trasformarsi in asma?

– “La complicanza più importante dell’allergia è proprio l’interessamento del bronco, con stenosi e asma che può diventare cronica”.

 

– Quali consigli darebbe ad un allergico affinché, adottando determinati comportamenti o evitando certe situazioni, possa migliorare la qualità della sua vita?

– “Come regola generale, la persona allergica non deve fumare e non deve frequentare ambienti malsani con muffe, acari e alta umidità, perché è a rischio di complicanze.

Il polline si diffonde tra le 10 del mattino e le 16: chi è allergico dovrebbe dunque evitare di uscire nelle ore centrali della giornata, privilegiando le prime ore del mattino e le ultime del pomeriggio; dovrebbe cambiare i filtri dell’aria condizionata in casa e in auto, usando quelli specifici antipolline. Non dovrebbe spalancare troppo le finestre di casa, perché il polline entra, si deposita sui cuscini e viene poi inalato in gran quantità durante il sonno. Dovrebbe evitare la frutta e le verdure che danno crociatura con il polline interessato. Se del caso, dovrebbe ricorrere ai farmaci”.

 

– Qual è il luogo di villeggiatura ideale per un allergico al polline?

– “Il mare è ottimo perché l’aria che viene dall’acqua non ha polline. La montagna oltre i 1200 metri è benefica (purché non sia in zona troppo umida, per evitare raffreddamenti) perché a quell’altezza il polline allergizzante, pur presente, è molto diluito con altri tipi di polline”.

Chiara Bonan

Redattrice InFormaSalute

Dr. Lucio Bacelle

Primario del laboratorio analisi dell’ospedale di Cittadella e specialista in allergologia

InForma Salute
    • Casa Editrice

      Agenzia Pubblicitaria Europa 92
      Via Pio IX 27 - 36061 Bassano del Grappa (Vi)
      C.F.: 02101360242

      info@informasalute.net
      tel: 0424.510855
      mobile: 0039.335.7781979

      Seguici su

    • Redazione

      Direttore Responsabile
      Angelica Montagna

      Condirettore
      Alessandro Tich

      Coordinatore Editoriale
      Ledy Clemente
      Romano Clemente

      Redazione
      Romano Clemente
      Alessandro Tich
      Angelica Montagna
      Renzo Deganello
      redazione@informasalute.net

    • Contattaci

      Nome e Cognome (richiesto):


      E-Mail (richiesto):


      Messaggio (richiesto):


      Clicca sul riquadro sottostante per dimostrare che sei umano (richiesto):