• Informasalute N.80

    Informasalute N.80

    Supplemento 2020

    Stefania De Peppe
    QUELL’ISTANTE CHE TI CAMBIA LA VITA

    Leggi tutto

  • Informasalute N.79

    Informasalute N.79

    Ottobre 2020

    Anna Mei
    TANTI RECORD PER TANTE ALI DI FARFALLA

    Leggi tutto

  • Informasalute N.78

    Informasalute N.78

    Settembre 2020

    Asiago, S.O.S. Ospedale.
    Il sindaco Roberto Rigoni Stern

    Leggi tutto

Deficit da ormone GH della crescita: quando allarmarsi

ormone-della-crescita-gh

Intervista al dott. Massimo Marchetti – struttura complessa medicina interna responsabile di Endocrinologia

Ormone GH della crescita: rischioso nel bambino ma anche negli adulti

L’ormone somatotropo, conosciuto anche come ormone della crescita o GH (Growth Hormone), è un ormone polipeptide prodotto dall’ipofisi, una piccola ghiandola localizzata al di sotto del cervello, per intenderci dietro gli occhi. La sua funzione principale è quella di promuovere l’accrescimento dello scheletro e dei tessuti muscolari e la sintesi proteica. Il GH è pertanto un ormone indispensabile per la corretta crescita dei bambini, pur mantenendo importanti funzioni metaboliche per il benessere dell’organismo anche in età adulta. Abbiamo posto diverse domande all’esperto per saperne di più, scoprendo che anche gli adulti possono soffrire di tale deficit.

Dottor Marchetti, quali sono i segnali che devono far preoccupare i genitori?

Innanzitutto voglio ricordare che nel nostro sistema sanitario, i bambini sono seguiti costantemente dal punto di vista pediatrico con misurazioni e curve di crescita standardizzate, con precisi parametri di peso ed altezza, rapportati per età e sesso. Questo ci permette di scoprire in tempi rapidi un possibile deficit di crescita e quindi di intervenire tempestivamente. Generalmente quando il bambino ha una statura bassa, si va anche a controllare l’altezza dei genitori, per capire quanto conti il fattore ereditario. La valutazione sul piccolo viene ripetuta generalmente dopo sei mesi nel sospetto di deficit. Nel sospetto vanno quindi eseguite delle analisi del sangue che ci permetteranno di confermare o meno il sospetto: viene dosato il GH basale , l’ IGF1 (molecola prodotta dal fegato sotto stimolo del GH stesso) che ci permette subito di capire se esiste o meno un deficit e infine vengono effettuati dei test di stimolo per confermare la diagnosi.

Se si riscontra un effettivo deficit ormonale, come si procede?

Effettuati i test diagnostici, il bimbo viene affidato ad un centro specializzato per la cura e la prescrizione dell’ormone. Nei bambini è importante tale ormone per raggiungere determinati standard nella crescita: indispensabile trattare il giovane paziente tempestivamente. I centri di cui parlavo si trovano negli ospedali di Padova e Verona, dove viene somministrato tale ormone, previa autorizzazione regionale.

Da dove si ricava il GH?

Più di 30 anni fa l’ormone della crescita veniva ricavato con metodo estrattivo da ipofisi da cadaveri umani. I successivi scandali in Francia scaturiti a seguito della sindrome di Creutzfeld-Jacob, dovuta dall’ormone non purificato, ha fatto nascere alla fine degli anni ’80 un prodotto sintetico ottenuto da DNA ricombinante. Il problema non si poneva più sulla sicurezza della molecola somministrata, bensì si incominciava a ragionare se il prodotto sarebbe servito a qualcun altro oltre ai bambini con deficit di crescita. Io personalmente ho fatto proprio la tesi di laurea e di specialità su questo argomento, con il Prof. Zaccaria a Padova.

Si spieghi meglio…

E’ sempre negli anni ’80 che uscivano i primi lavori che dimostravano che gli adulti operati di ipofisi, ad esempio a causa di tumori, o postumi di traumi cranici, avevano spettanza di vita più bassa rispetto a chi possedeva i parametri normali dell’ormone della crescita. Si è anche capito che il deficit poteva portare addirittura a malattie cardiovascolari, si è venuti a conoscenza che l’ormone della crescita serve anche nell’adulto per la massa muscolare, per il cuore, per l’osso, ed impatta su tutta la qualità della vita delle persone.

Come si può capire che nell’adulto vi è un deficit dell’ormone della crescita? Nel bambino è sicuramente più facile…

Certamente! Sono principalmente i medici curanti che devono capire che prima o poi, un operato all’ipofisi potrebbe rientrare fra coloro che necessitano di somministrazione. Come detto, anche chi ha subito un trauma cranico, addirittura molti pugili per i forti colpi che ricevono alla testa, presentano un deficit. L’unico centro autorizzato alla somministrazione di GH negli adulti, nella provincia di Vicenza, è proprio qui, l’ospedale di Bassano Del Grappa nel nostro reparto di Medicina Interna. Stiamo seguendo circa una ventina di pazienti in questo momento.

Come avviene la somministrazione?

Una volta stabilita la diagnosi di deficit di GH attraverso test specifici (peraltro indispensabili per aver la possibilità di prescrizione dell’ormone) si inizia la terapia presso il nostro day-hospital dove si eseguono dei controlli periodici, in maniera continuativa, con un piano terapeutico che viene periodicamente aggiornato on- line direttamente con la Regione. Voglio ricordare che il GH non viene usato solo per motivi medici ma anche per il doping negli sportivi, in quanto stimolante della massa muscolare. Ecco il motivo del “super” controllo da parte della Regione, anche perché si tratta di una terapia molto costosa. La somministrazione avviene con una siringa-penna caricata mensilmente con una cartuccia che noi forniamo ai pazienti che si autosomministreranno l’ormone per via sottocutanea ogni giorno.

Si può guarire da deficit dell’omone della crescita?

Sicuramente no. Stiamo parlando di deficit cronici e come tutte le deficienze croniche abbisognano di una terapia cronica sostitutiva, e quando i valori rientrano nella norma, vanno mantenuti tali! Per questo motivo il GH va somministrato tutta la vita, un po’ come l’ insulina per i diabetici o l’ormone tiroideo per chi è affetto da ipotiroidismo. Non vanno mai sospesi, poiché non stiamo facendo una terapia in più ma una correzione di un deficit.

 

Angelica Montagna

Direttore Responsabile


InForma Salute
    • Casa Editrice

      Agenzia Pubblicitaria Europa 92
      Via Pio IX 27 - 36061 Bassano del Grappa (Vi)
      C.F.: 02101360242

      info@informasalute.net
      tel: 0424.510855
      mobile: 0039.335.7781979

      Seguici su

    • Redazione

      Direttore Responsabile
      Angelica Montagna

      Condirettore
      Alessandro Tich

      Coordinatore Editoriale
      Ledy Clemente
      Romano Clemente

      Redazione
      Romano Clemente
      Alessandro Tich
      Angelica Montagna
      Renzo Deganello
      redazione@informasalute.net

    • Contattaci

      Nome e Cognome (richiesto):


      E-Mail (richiesto):


      Messaggio (richiesto):


      Clicca sul riquadro sottostante per dimostrare che sei umano (richiesto):