• Informasalute N.82

    Informasalute N.82

    Marzo 2021

    Carlo Bramezza

    PRIORITÀ VACCINI

    Leggi tutto

  • Informasalute N.81

    Informasalute N.81

    Febbraio 2021

    Giovanni Menegon

    UNA LAUREA PER LA RINASCITA

    Leggi tutto

  • Informasalute N.80

    Informasalute N.80

    Supplemento 2020

    Stefania De Peppe

    QUELL’ISTANTE CHE TI CAMBIA LA VITA

    Leggi tutto

Psoriasi e vitiligine. Come affrontarle.

Angelica Montagna

L’intervista alla dr.ssa Diva Simonetto, direttore del reparto di dermatologia di Treviso e consulente dell’Ospedale di Cittadella.

Due malattie autoimmuni che sono presenti nei geni. Come a dire, si nasce con quella predisposizione. Fattori come la familiarità e la genetica sono determinanti per psoriasi e vitiligine, due patologie che creano molto disagio e influiscono sulla vita sociale. Ne abbiamo parlato con l’esperto, in questo caso la Dott.ssa Diva Simonetto, Direttore del Reparto di Dermatologia di Treviso e consulente dell’Ospedale di Cittadella.

Che cos’è la vitiligine?

La vitiligine è una malattia ereditaria autoimmunitaria che si manifesta con la comparsa di chiazze non pigmentate, acromiche, non brune ma candide, appunto di colore bianco sulla pelle, più o meno estese.

E la psoriasi?

E’ sempre una malattia ereditaria genetica di tipo infiammatorio scatenata da fattori ambientali che si manifesta sulla pelle con chiazze eritematose più o meno rilevate, ipercheratosiche e a margini netti. Se il paziente affetto da psoriasi si gratta le chiazze, queste  si squamano ed assumono  un aspetto bianco come la cera.

Entrambe le patologie possono coinvolgere l’intero tegumento, sebbene vi siano delle sedi preferenziali.

 

Quali le cause della vitiligine e della psoriasi?

Come ho già ricordato, importanti sono i fattori genetici. Tuttavia, altrettanto importanti nel determinare l’insorgenza di tali malattie sono alcuni fattori ambientali: per la psoriasi ricordo i traumi fisici, le infezioni, gli stress emotivi, il diabete e l’obesità; anche nella vitiligine non è raro osservare comparsa delle lesioni cutanee in sede di pregresso trauma. Vorrei anche sottolineare che queste due malattie non interessano solo la pelle, ma si possono associare anche ad altre affezioni: chi ha la psoriasi ha un rischio più elevato rispetto alla popolazione generale di soffrire anche di malattie articolari, oculari, gastrointestinali e cardiovascolari. Chi invece soffre di vitiligine può ammalarsi di altre malattie autoimmuni in particolare distiroidismi.

 

Sono malattie contagiose?

Assolutamente no! E’ vero che all’interno di uno stesso nucleo familiare possono comparire più elementi affetti da queste patologie ma è, come già detto, una questione di genetica. Sarà poi la presenza o meno di fattori scatenanti a far sì che la malattia si manifesti clinicamente.

Quali le cure e le terapie?

Innanzitutto è importante, in entrambe le patologie ricercare e trattare le patologie associate. Per la vitiligine le cure non sono moltissime. Da ricordare è sicuramente la fototerapia UVB a banda stretta. Per la psoriasi l’armamentario terapeutico è più ampio e comprende creme a base di cortisone e di derivati della vitamina D, la fototerapia UVB a banda stretta, i farmaci sistemici tradizionali (acitretina, ciclosporina, metotrexato) e più recentemente i cosiddetti farmaci biotecnologici, il futuro del trattamento della psoriasi.

Compare anche ai genitali?

Sì, i genitali possono essere interessati sia dalla psoriasi che dalla vitiligine, talora anche in modo esclusivo. Non sono comunque malattie contagiose !

Anche in questo caso credo che il disagio di chi ne è affetto sia grande.

Senza dubbio! Vi è un grande risvolto psicologico alla base che non va sottovalutato. Vede, posso dire che alcuni pazienti sono “fortunati” nel senso che sono affetti da psoriasi o vitiligine con manifestazioni che sono in distretto corporei non visibili. E fin qui, il disagio può essere contenuto. Ma immagini chi soffre per macchie sparse sul viso, sulle mani… Difficile accettarlo, mi creda.

Esiste qualche modo per camuffare un pò le macchie?

Sì, certo. Molti pazienti, soprattutto donne ricorrono  a quello che viene chiamato proprio “camouflage” un valido aiuto cosmetico per chi soffre di vitiligine, soprattutto in viso. Un make up studiato apposta. Per una cura che sconfigga la vitiligine, siamo ancora indietro.

 

Ma si può guarire di vitiligine?

No, però si può curare. Le macchie si possono ripigmentare. Che non significa guarire dalla vitiligine. La predisposizione alla malattia c’è sempre , latente nei nostri geni. E’ come se avendo gli occhi neri, ci mettessimo delle lenti verdi. Certo, tutti vedono il colore verde, ma in realtà gli occhi rimangono sempre neri.

Angelica Montagna

Direttore Responsabile

Dr.ssa Diva Simonetto

Direttore del Reparto di Dermatologia di Treviso, Consulente dell’Ospedale di Cittadella.

InForma Salute
    • Casa Editrice

      Agenzia Pubblicitaria Europa 92
      Via Pio IX 27 - 36061 Bassano del Grappa (Vi)
      C.F.: 02101360242

      info@informasalute.net
      tel: 0424.510855
      mobile: 0039.335.7781979

      Seguici su

    • Redazione

      Direttore Responsabile
      Angelica Montagna

      Condirettore
      Alessandro Tich

      Coordinatore Editoriale
      Ledy Clemente
      Romano Clemente

      Redazione
      Romano Clemente
      Alessandro Tich
      Angelica Montagna
      Renzo Deganello
      redazione@informasalute.net

    • Contattaci

      Nome e Cognome (richiesto):


      E-Mail (richiesto):


      Messaggio (richiesto):


      Clicca sul riquadro sottostante per dimostrare che sei umano (richiesto):