• Informasalute N.91

    Informasalute N.91

    GIUGNO 2022

    UCRAINA CHIAMA: OTB RISPONDE

    Leggi tutto

  • Informasalute N.90

    Informasalute N.90

    APRILE-MAGGIO 2022

    Prof. Mauro Ferrari

    IL GIGANTE DELLA NANOMEDICINA

    Leggi tutto

  • Informasalute N.89

    Informasalute N.89

    FEBBRAIO 2022

    D.ssa Maria Grazia Carraro Direttore Generale Ulss1 Dolomiti

    TERRITORIO VASTO E ALTO INDICE DI VECCHIAIA

    Leggi tutto

  • Informasalute N.88

    Informasalute N.88

    NOVEMBRE-DICEMBRE 2021

    Paolo Fortuna Direttore Generale ULSS 6 EUGANEA

    DA PADOVA IL FORTE APPELLO A VACCINARSI

    Leggi tutto

Un “blocco” all’avanguardia

Alessandro Tich

Il governatore Luca Zaia: “Un esempio delle eccellenze della sanità nel Veneto”

Sette sale per la chirurgia urgenza, per la chirurgia generale, per l’ortopedia e per la ginecologia, approntate con un investimento complessivo di 6 milioni e 350 mila euro, interamente coperto con fondi della Regione Veneto e dell’Ulss n.15.

E’ il nuovo complesso delle sale operatorie dell’Ospedale di Camposampiero, realizzate a completamento della Piastra Servizi della struttura e inaugurate lo scorso 11 ottobre con l’intervento, fra gli altri, del governatore veneto Luca Zaia, del vicegovernatore Marino Zorzato, dell’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto, dell’assessore regionale all’Ambiente Maurizio Conte, del vicepresidente della Provincia di Padova Roberto Marcato, del sindaco di Camposampiero Domenico Zanon e del presidente della Conferenza dei Sindaci dell’Ulss n.15 Lorenzo Zanon. A fare gli onori di casa, il Direttore Generale dell’Ulss n. 15 Francesco Benazzi.

Allestite con le più moderne tecnologie che permettono – tra le altre cose – di eseguire interventi in collegamento istantaneo con altre strutture sanitarie in tutto il mondo, di abbassare i rischi di infezioni, di ottimizzare i tempi di intervento e di ridurre conseguentemente le liste di attesa, le nuove sale operatorie in dotazione al Presidio Ospedaliero camposampierese sono state definite dallo stesso Zaia un concreto esempio “delle eccellenze e della buona gestione della Sanità del Veneto”.

Lo stesso Direttore Generale Benazzi, nell’intervista pubblicata in altre pagine di questo numero della nostra rivista, ha confermato quanto l’attivazione del nuovo blocco operatorio vada “a potenziare la vocazione chirurgica dell’Ospedale di Camposampiero”, con una dotazione tecnologica che comprende anche la chirurgia robotica, che fa del presidio dell’Alta Padovana “un centro di riferimento per il trattamento dei tumori al colon, alla prostata e all’utero”.

Inserito nella 1° fase del completamento della Piastra Servizi del Presidio Ospedaliero, il nuovo operation center chirurgico (realizzato da un’Associazione Temporanea d’Impresa con capogruppo SIRAM) interessa tutto il terzo piano della Piastra Servizi medesima, per una superficie di circa 1950 mq.

Un ulteriore ed importante salto di qualità nell’offerta dei servizi ospedalieri che è stato preso a modello, dal governatore Zaia, della “buona gestione” delle risorse e delle nuove tecnologie dimostrata dalla sanità Veneta.

“Per continuare ad essere virtuosi – ha dichiarato nell’occasione il presidente della Regione Veneto – noi abbiamo accettato la vera sfida del futuro, che non è nei posti letto o nel numero degli ospedali, ma nell’organizzazione, nella buona gestione, nella qualità delle cure, nell’innovazione scientifica e tecnologica, nella capacità di umanizzare il rapporto con i cittadini, nel far sì, e qui c’è ancora da lavorare, che non si debba aspettare troppo per avere una prestazione.”

“In Veneto questo percorso – ha aggiunto – lo abbiamo già avviato e lo porteremo a compimento con il nuovo Piano Sociosanitario, nell’ambito del quale nessuno deve temere di perdere le proprie eccellenze e le proprie peculiarità”.

“Siamo già oggi la miglior sanità d’Italia – ha proseguito il governatore -, con i conti in attivo e con un ottimo livello tecnico-scientifico, come dimostrano le nuove sale operatorie di questo ospedale. Anche per questo, e perché lo dobbiamo ai nostri cittadini, combattiamo, e continueremo a farlo, contro i tagli lineari del governo di Roma, che non fanno la benché minima distinzione tra virtuosi e spreconi; tra chi, come il Veneto, ha ad esempio un tasso medio di ospedalizzazione di 7 giorni rispetto ad altre parti d’Italia che arrivano a 30 giorni. Mentre altrove si cura un malato, qui ne curiamo quattro; mentre qui si chiudono i bilanci in attivo, altrove quattro Regioni fanno miliardi di buco.”

Per il vicepresidente della Provincia Marcato “le nuove sale forniscono una risposta concreta, quella della politica e della sinergia tra il territorio e la Regione”.

“Le eccellenze dei professionisti, dei medici, degli infermieri e di tutto il personale – ha ancora detto Marcato nell’occasione – sono stimolate anche dall’alta tecnologia e le sale inaugurate oggi dimostrano come si possano rendere reali e fruibili servizi innovativi necessari al benessere e alla cura della persona”.

Il Presidio Ospedaliero di Camposampiero effettua ogni anno circa 1736 interventi ed esegue oltre 8813 prestazioni ambulatoriali. Numeri che, con il complesso all’avanguardia del nuovo blocco operatorio, sono destinati a crescere ulteriormente.


InForma Salute
    • Casa Editrice

      Agenzia Pubblicitaria Europa 92
      Via Pio IX 27 - 36061 Bassano del Grappa (Vi)
      C.F.: 02101360242

      info@informasalute.net
      tel: 0424.510855
      mobile: 0039.335.7781979

      Seguici su

    • Redazione

      Direttore Responsabile
      Angelica Montagna

      Condirettore
      Alessandro Tich

      Coordinatore Editoriale
      Ledy Clemente
      Romano Clemente

      Redazione
      Romano Clemente
      Alessandro Tich
      Angelica Montagna
      Renzo Deganello
      redazione@informasalute.net

    • Contattaci

      Nome e Cognome (richiesto):


      E-Mail (richiesto):


      Messaggio (richiesto):


      Clicca sul riquadro sottostante per dimostrare che sei umano (richiesto):